menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Ubriaco e geloso, picchia moglie e figlia: la piccola ha soltanto 9 mesi

E' stato arrestato dai carabinieri il 31enne marocchino D.Y., protagonista sabato sera dell'ennesima aggressione in casa ai danni di moglie e figlia

Completamente ubriaco e in preda a chissà quale raptus di gelosia, ha preso a pugni la moglie e la figlia di soli 9 mesi, poi ha aggredito la vicina di casa che si era precipitata a vedere cosa stesse succedendo, una volta in caserma ha pure ferito un carabiniere. Scene di ordinaria follia, sabato notte a Carpenedolo: il protagonista è un giovane marocchino di 31 anni, D.Y. le sue iniziali, il cui arresto è stato convalidato mercoledì mattina e che adesso attualmente si trova in carcere a Brescia.

Sabato è rientrato a casa in preda ai fumi dell'alcol, e con la rabbia della gelosia: ha cominciato a picchiare la giovane moglie colpendola con dei pugni in testa, poi l'ha afferrata e strattonata, fino a scaraventarle la testa contro il muro e farla cadere a terra. Non era sola, la donna: in braccio aveva la piccola figlia di appena 9 mesi.

Anche la bimba è caduta a terra: D.Y. ha riverso la sua ira anche nei confronti della piccola, colpendola alla testa, tra le grida di dolore della madre e le richieste di aiuto. Una vicina di casa è effettivamente intervenuta: amica di famiglia e che già sospettava di quello che succedeva tra quelle quattro mura, nonostante la moglie non abbia mai trovato il coraggio di denunciare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, contagi da zona rossa: attesa decisione della Regione

social

Le acque si abbassano, l'antico "castello" riemerge dagli abissi del lago

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento