menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La rete di spaccio e la droga sequestrata ©Bresciatoday

La rete di spaccio e la droga sequestrata ©Bresciatoday

Sgominata importante rete di spacciatori, gestiva un giro da 1,5 milioni di euro

L'operazione, condotta dai Carabinieri di Carpenedolo e coordinata dalla procura di Brescia, ha portato all'arresto di 8 persone. Al vertice dell'organizzazione un 38enne albanese e un 47enne italiano, che sono finiti in carcere. Sequestrati 145 chili di droga

Gestivano lo spaccio di marijuana e hashish nei comuni di Acquafredda, Carpendolo e Montichiari, grazie alle abilità investigative dei Carabinieri sono finiti  - tutti - in manette. 

I militari della stazione di Carpenedolo, coordinati da Alfonso Gentile, hanno ricostruito l’intera rete e incastrato tutti i membri dell’organizzazione: partendo dai venditori al dettaglio passando per gli intermediari, sono arrivati al vertice della piramide. 

A dirigere l’organizzazione erano un 38enne albanese, che bazzicava nella zona Montichiari, e un 47enne italiano residente nel Mantovano.  Entrambi con precedenti specifici alle spalle, sono stati arrestati in flagranza di reato lo scorso mercoledì, la misura è stata convalidata e sono finiti in carcere.

I Carabinieri li pedinavano e intercettavano da tempo, ma la svolta è arrivata nei giorni scorsi, grazie al blitz nell’azienda di Castiglione delle Stiviere, gestita dal 47enne italiano. In un container erano stoccati ben 145 chili di droga, in buona parte marijuana e hashish proveniente dall’estero,  ma è stata trovata anche dalla cocaina. I due erano specializzati nella  distribuzione delle droghe leggere e pare che usassero la polvere bianca come ‘premio’  per gli spacciatori più efficienti. 

L’indagine è partita nell’estate del 2015 dall’arresto in flagranza di reato di un 45enne italiano, beccato con 26 dosi  di cocaina e 80 grammi di hashish.  Le successive  indagini dei militari hanno poi portato al fermo di una coppia, sempre per spaccio di stupefacenti.  

Proprio quell’arresto si è rivelato la chiave di volta per risalire la piramide e arrivare prima ai due intermediari ed infine ai capi dell’organizzazione, gli unici che sono finiti dietro le sbarre.  Solo un altro membro della rete è stato sottoposto alla misura di custodia cautelare, mentre gli altri cinque sono in stato di libertà.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento