Cronaca

Rubano tre bici e le mettono in vendita online: nei guai tre ragazzini

La refurtiva, del valore complessivo di oltre 5000 euro, è stata restituita ai legittimi proprietari

Foto d'archivio

Ragazzini in affari, ma illegali. Tre giovanissimi - due 15enni e un 16enne - avevano cercato di racimolare qualche migliaio di ieri rubando biciclette per poi rivenderle su alcuni siti.

Non ci sono riusciti, grazie alla tempestiva indagine avviata dai carabinieri: si sono finti acquirenti e hanno individuato -anche grazie alle immagini dei sistemi di videosorveglianza comunali- i domicili dei tre minorenni, recuperando la refurtiva. Un bottino superiore ai 5.000 euro.

I furti si erano verificati in alcune abitazioni di Carpenedolo: i tempestivi accertamenti intrapresi dai militari hanno permesso di ricostruire gli episodi. I tre giovani - due 15enni stranieri e un 16enne italiano - si intrufolavano nelle abitazioni del paese al calar del buio per poi prelevare le bici e piazzare l'annuncio di vendita qualche ora più tardi. 

Tutti e tre sono stati denunciati in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria dei minori per furto aggravato, mentre le bici sono state restituite ai legittimi proprietari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubano tre bici e le mettono in vendita online: nei guai tre ragazzini

BresciaToday è in caricamento