Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Centro / Contrada del Carmine

Carmine: padre e figlio picchiati a sangue in strada

Succede un sabato sera, in mezzo al cuore della movida: il genitore alla guida dell’auto chiede ad un gruppo di giovani di poter passare. Questi lo aggrediscono, e se la prendono poi anche con il figlio che cerca di separarli

A pochi giorni dall’aggressione al banchetto leghista, nel quartiere Carmine, un nuovo episodio di violenza scuote gli animi già surriscaldati della movida bresciana. All’angolo tra Via Battaglie e la Contrada del Carmine, in direzione San Faustino, un gruppetto di scalmanati ha infatti aggredito padre e figlio, che con la loro automobile cercavano di passare nella stretta via per tornare a casa.

Il gruppo di giovani infatti, come spesso accade, stazionava in mezzo alla strada, con il bicchiere in mano. Non è tardi, anzi: nella logica ‘spagnola’ è appena passata l’ora dell’aperitivo. Il conducente chiede ai ragazzi di spostarsi: “Stiamo andando a casa, ci fate passare?”. La risposta è chiara, il no è reiterato, il tasso alcolico forse fa il resto e i ‘gnari’ lo riempiono di insulti.

A questo punto l’uomo scende dalla macchina, e si fa più insistente. Alla violenza verbale segue allora quella fisica: viene aggredito, braccato da dietro per inaugurare un improvvisato pestaggio. In macchina anche la moglie e il figlio, ancora minorenne: proprio quest’ultimo scende dalla vettura per aiutare il babbo, ma viene fermato e picchiato da altri due giovani della compagnia.

La bagarre attira l’attenzione, in pochi minuti gli aggressori scappano, i Carabinieri arrivano poco dopo, per registrare la denuncia. Si indaga su ignoti, non sarà facile ricostruire le ‘facce’ coinvolte. Dalle associazioni di quartiere, le stesse che un anno fa per poco non si facevano lista civica, un monito malagurante: “Prima o poi qua ci scappa il morto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carmine: padre e figlio picchiati a sangue in strada

BresciaToday è in caricamento