Casa, chiesa... e 35 grammi di cocaina: in carcere volontario della Caritas

Casa e chiesa, addirittura il volontariato alla Caritas: arrestato 3 anni fa con 35 grammi di cocaina da spacciare, ora è stato condannato a 6 anni di carcere

Quel che si dice un insospettabile: casa e chiesa, addirittura volontario alla Caritas. Alla solidarietà affiancava però un losco traffico: spacciava cocaina. Beccato dai carabinieri con 115 dosi già confezionate - in tutto circa 35 grammi - un bilancino di precisione, qualche grammo di hashish, anelli d'oro probabilmente proventi dell'attività di spaccio. Parte della droga era stata nascosta in cantina, in mezzo alle crocchette per cani.

Residente in provincia di Modena, ma praticamente di casa a Castiglione delle Stiviere: si chiama Joi Rizzi, oggi ha 37 anni, la storia del suo arresto risale ormai a più di tre anni fa. Solo in questi giorni è però arrivata la condanna definitiva.

Il giovane attivista di stampo cattolico - ma amici e collaboratori, anche della Caritas, giurano di non aver mai saputo nulla - è stato dunque condannato a 6 anni di carcere e 30mila euro di multa.

Il suo 'giro' era minuziosamente raccontato in un quaderno, sequestrato dai Carabinieri, in cui aveva annotato per filo e per segno tutti i suoi movimenti, la droga venduta, i soldi incassati o da incassare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento