Cronaca

Arresto violento: "Mi hanno pestato con calci e pugni", nei guai tre carabinieri

Tre carabinieri sotto inchiesta a seguito del (presunto) pestaggio di un ragazzo di 20 anni, arrestato per droga nel 2020

Ci sono tre carabinieri indagati per lesioni aggravate: in servizio a Sirmione, lo scorso anno avrebbero rotto le costole a un giovane rumeno di circa 20 anni, arrestato per droga. Sull'accaduto indaga la Procura: l'inchiesta è scattata a seguito della denuncia del ragazzo, ma ci sarebbe già stata anche un'indagine interna, conclusasi con un nulla di fatto.

Lo scrive il Giornale di Brescia, che riporta quando sarebbe accaduto. Il 20enne sarebbe stato vittima di un arresto violento: ovvero picchiato con calci e pugni prima di essere portato in caserma. Sarebbe stato poi trasferito a Desenzano con forti dolori al costato: una volta in carcere, una radiografia avrebbe confermato la frattura delle costole.

L'indagine interna dell'Arma si sarebbe conclusa con l'ipotesi di lesioni accidentali. Non così per i medici che hanno invece firmato il referto radiografico. Da qui la denuncia del giovane, e l'avvio dell'inchiesta coordinata dalla Procura. Gli accertamenti proseguono, e sono attesi sviluppi in tempi brevi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arresto violento: "Mi hanno pestato con calci e pugni", nei guai tre carabinieri

BresciaToday è in caricamento