Cronaca

«Sei una fallita, non vali niente»: poi le spacca il labbro e la manda in ospedale

A chiamare i soccorsi sono stati i vicini di casa di una giovane coppia. 10 giorni di prognosi per la donna

Immagine di repertorio

Nel silenzio della notte, le urla disperate della donna, insultata e poi picchiata dal compagno, hanno allarmato tutto il vicinato. Fortunatamente qualcuno non ha fatto finto di nulla, ma ha preso il telefono e composto il numero dell'emergenza, dando l'allarme. È successo giovedì sera a Capriolo, lo racconta il quotidiano Bresciaoggi in edicola stamane. 

Nell'abitazione di una giovane coppia attorno alle 23 è scoppiato un violento litigio. Dalle grida e dalle minacce (i vicini hanno udito l'uomo gridare «Sei una fallita, non vali niente»), il violento è presto passato ai fatti, sputando contro la compagna e infine picchiandola. La lite è stata interrotta dall'arrivo di una pattuglia del Radiomobile di Chiari. Gli agenti hanno verificato le ferite della donna, giudicate compatibili con quelle di percosse. 

Chiamata un'ambulanza, la giovane donna è stata trasportata in ospedale, a Iseo, per medicare le ferite. I traumi sono stati giudicabili come guaribili in dieci giorni. La vittima al momento non ha sporto denuncia contro il suo compagno violento: potrebbero essere gli agenti - che hanno informato la Procura della Repubblica - a farla scattare sulla base di ciò che prevede la procedura del "Codice rosso" per la violenza domestica. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Sei una fallita, non vali niente»: poi le spacca il labbro e la manda in ospedale

BresciaToday è in caricamento