Capriolo, moschea sequestrata: "250 persone sono troppe"

Sigilli alla moschea di Capriolo, dove dal Ramadan in poi si ritrovavano anche 250 persone alla volta, per pregare. A qualche mese dalla prima diffida del Comune il luogo di culto è stato definitivamente posto sotto sequestro

Un sequestro annunciato, e che in realtà ‘covava’ da alcuni mesi, almeno dalla scorsa estate. Quando il Comune di Capriolo aveva ufficializzato una diffida all’utilizzo da parte di una locale associazione di musulmani i vari uffici da loro affittati nella zona residenziale compresa tra Via Roma e Via Paratico.

Negli ultimi giorni il Comune ha ottenuto quanto voleva: sigilli alla struttura contestata, e l’area adibita a luogo di culto posta sotto sequestro, con l’intervento congiunto di Polizia Locale e Carabinieri. Niente più moschea, almeno per ora: anche se le indagini degli ultimi mesi non sembrano dare adito a dubbi.

Polemiche ideologiche a parte, il problema pare fosse legato esclusivamente all’agibilità della struttura. Una superficie di circa 200 metri quadri, e quindi adatta ad accogliere un numero limitato di persone. Non certo le oltre 250 persone che puntualmente si presentavano in occasione delle preghiere, con exploit di presenze nel corso del Ramadan.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lombardia zona rossa dal 17 gennaio, le regole: cosa si può fare e cosa no

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Auto travolge sette ciclisti sul Garda: è la squadra di Peter Sagan

  • Provincia di Brescia: morti e contagi di sabato 16 gennaio 2021

Torna su
BresciaToday è in caricamento