6 milioni di euro per un allevamento di capre, ma finiscono tutte in padella

Il triste destino di nove caproni della Valcamonica, capre bionde dell'Adamello acquistate dagli americani per dar vita ad una nuova razza ibrida in Afghanistan, da cui sarebbe stato prodotto del pregiato cachemire biondo

Capre bionde dell'Adamello (foto d'archivio)

Avrebbero dovuto dar vita ad una nuova razza ancora più pregiata, una razza ibrida camuno-afgana, punto di partenza per la produzione di una nuova e inedita qualità di cachemire biondo. Ma la sentenza è clamorosa: invece si essere state allevate, probabilmente sono state mangiate.

Insomma, è saltato tutto: e pensare che l'investimento si sarebbe dovuto aggirare intorno ai 6 milioni di dollari, per impiantare un allevamento industriale del prezioso cachemire. In tutto erano partiti nove caproni, di loro non v'è più traccia. 

Un triste destino: la capre sarebbero state arrostite e mangiate al loro arrivo in Afghanistan". Anche in America se ne parla: la vicenda ha preso le forme di un piccolo scandalo, già denominato "Goat Gate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • Brutta sorpresa dopo lo shopping: auto sparite fuori dal centro commerciale

  • Tragico infortunio sul lavoro: morto giovane operaio

  • Da pochi mesi in Indonesia, morto a 42 anni Davide Savelli

  • Le prime cinque aziende bresciane per fatturato

  • Schianto frontale nella notte: auto sventrata, morto un uomo

Torna su
BresciaToday è in caricamento