6 milioni di euro per un allevamento di capre, ma finiscono tutte in padella

Il triste destino di nove caproni della Valcamonica, capre bionde dell'Adamello acquistate dagli americani per dar vita ad una nuova razza ibrida in Afghanistan, da cui sarebbe stato prodotto del pregiato cachemire biondo

Capre bionde dell'Adamello (foto d'archivio)

Avrebbero dovuto dar vita ad una nuova razza ancora più pregiata, una razza ibrida camuno-afgana, punto di partenza per la produzione di una nuova e inedita qualità di cachemire biondo. Ma la sentenza è clamorosa: invece si essere state allevate, probabilmente sono state mangiate.

Insomma, è saltato tutto: e pensare che l'investimento si sarebbe dovuto aggirare intorno ai 6 milioni di dollari, per impiantare un allevamento industriale del prezioso cachemire. In tutto erano partiti nove caproni, di loro non v'è più traccia. 

Un triste destino: la capre sarebbero state arrostite e mangiate al loro arrivo in Afghanistan". Anche in America se ne parla: la vicenda ha preso le forme di un piccolo scandalo, già denominato "Goat Gate".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: "Una Regione ad alto rischio il 3 giugno non può riaprire"

  • Coronavirus: in Lombardia 293 nuovi contagi, a Brescia altre 8 croci

  • Coronavirus: assalto per la movida, Del Bono costretto a chiudere Piazzale Arnaldo

  • Dramma in paese, ragazzo muore a 29 anni: "Il Signore dia conforto ai tuoi genitori"

  • Terribile schianto frontale, auto distrutte e 3 feriti: uno è grave al Civile

  • Brescia: tutte le attività commerciali aperte e che fanno consegna a domicilio

Torna su
BresciaToday è in caricamento