Giovani stranieri sfruttati nei campi e pagati in nero: in manette due imprenditori

Sono stati arrestati dalla Polizia Locale gli imprenditori Cristiano Gallizioli e Cristian Zaninelli, titolari della Demetra srl: insieme a loro in manette anche il caporale indiano

Pagati meno di 5 euro l'ora, ovviamente in nero, fino a otto ore di lavoro giornaliere con una sola pausa da dieci minuti e una brioche come pranzo: sono queste le evidenze dell'inchiesta che negli ultimi mesi ha smascherato lo sfruttamento di decine se non centinaia di lavoratori, e che ha portato agli arresti di Bablu Bablu, il “caporale” indiano di 34 anni che si occupava del reclutamento di giovani stranieri in difficoltà, anche richiedenti asilo, e degli imprenditori bresciani Cristiano Gallizioli e Cristian Zaninelli, titolari della società Demetra srl.

Un'organizzazione radicata che è stata smascherata dagli agenti della Polizia Locale di Montichiari, nell'ambito dell'inchiesta coordinata dal pm Ambrogio Cassiani e che al momento si conclude con le ordinanze di custodia cautelare firmate dal Giudice per le indagini preliminari Giulia Costantini.

Le indagini della Polizia Locale

Tutto è cominciato lo scorso settembre, quando gli agenti della Locale erano intervenuti in un'azienda agricola della zona in cui venivano sfruttati alcuni richiedenti asilo. A margine del blitz, venne immediatamente arrestato il titolare dell'azienda: insieme a lui erano finiti in manette anche due indiani, che facevano i “caporali”.

Ma era solo la punta dell'iceberg. Il prosieguo delle indagini ha fatto poi emergere le responsabilità degli imprenditori Gallizioli e Zaninelli, cosiderati le menti che avrebbero gestito il “traffico” di lavoratori stranieri sottopagati, appunto meno di 5 euro l'ora, e che lavoravano in collaborazione con Bablu, considerato invece il loro braccio operativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli arresti per capolarato

Sono stati tutti arrestati con l'accusa di caporalato: adesso rischiano fino a 6 anni di carcere, e multe fino a 1000 euro per ogni lavoratore reclutato illecitamente. I giovani operai agricoli sarebbero stati sfruttati in diverse aziende della provincia di Brescia, sul lago d'Iseo e nella Bassa, in alcune tenute vinicole della Franciacorta: venivano mandati nei campi con strumenti di lavoro rudimentali, pagati circa la  metà di quanto dovuto, e spesso senza alcun tipo di contratto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brescia: terremoto di magnitudo 2.7, epicentro a Caino

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento