rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Cronaca Capo di Ponte

Ex calciatore stroncato da un tumore: "Uomo generoso, giocatore sublime"

Marco Lascioli si è spento nei giorni scorsi, aveva 58 anni ed era conosciuto in tutta la Valcamonica

"Il nostro grande Marco Lascioli se n'è andato da questa terra. Era un giocatore sublime, efficace scaltro e coraggioso, ma era anche un uomo buono e generoso". Comincia così lo struggente post di addio all’ex attaccante del Sellero Novelle Calcio (e di molte altre squadre dalle Valcamonica) pubblicato nelle scorse ore sui canali social dell'associazione sportiva. Sono tante la squadre dilettantistiche camune che piangono la scomparsa di Lascioli: si è spento prematuramente nella notte tra domenica e lunedì, all’età di 58 anni. È stato sconfitto da un avversario subdolo: una malattia contro la quale lottava da tempo. 

Sposato e padre di una ragazza, Lascioli viveva da sempre a Cemmo, frazione di Capo di Ponte, insieme alla famiglia. Ed è proprio nella parrocchiale del paese che, alle 15 di domani (mercoledì 15 febbraio) saranno celebrati i funerali. Oltre ai familiari, sono attesi gli ex compagni delle squadre in cui aveva militato (tra cui anche Darfo e Breno) e gli amici di sempre. 

"Ha continuato per anni ad aiutarci, una volta attaccati gli scarpini al chiodo, senza tante storie e con il sorriso. Non ci sono parole per descrivere l'immensa perdita per la famiglia e per noi tutti - si legge ancora sulla pagina Facebook dell’asd Sellero Novelle - . Quando giocavi là davanti e, con una grinta come pochi, cercavi sempre di fare goal. Sei rimasto quando sono andati via in tanti. Sei rimasto per il tuo Sellero e ci tenevi tanto. Sei rimasto in seconda linea anche dopo."

Tutta la comunità di Capo di Ponte si sta stringendo attorno ai familiari di Lascioli: oltre alla moglie Rita e alla figlia Ludovica, lascia nel dolore la mamma Nina, la sorella Ottavia e il fratello Alessando. La famiglia non chiede fiori, ma donazioni all’Airc.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex calciatore stroncato da un tumore: "Uomo generoso, giocatore sublime"

BresciaToday è in caricamento