Fiamme e forti boati, vasto incendio alla Idrotermica BR di Calvisano

L'incendio è divampato martedì pomeriggio nel capannone della Idrotermica BR di Calvisano: danni per centinaia di migliaia di euro, la struttura probabilmente dovrà essere abbattuta

L'incendio è divampato nel pomeriggio, intorno alle 15, a quanto pare scatenato da un corto circuito elettrico: le fiamme hanno rapidamente invaso l'edificio, adibito per lo più a magazzino, e diversi scoppi all'interno hanno fatto anche temere il peggio. Moglie e figlio del titolare dell'azienda, Fabio Zoni, sono scappati via dall'abitazione adiacente, rimasta intatta. Ci sono volute circa due ore per spegnere l'incendio, e quattro squadre dei Vigili del Fuoco.

Dovrà probabilmente essere abbattuto il capannone della Idrotermica BR di Calvisano, dove martedì pomeriggio le fiamme hanno danneggiato praticamente tutto quello che c'era all'interno. La struttura è già stata dichiarata inagibile, nelle prossime ore sono programmate ulteriore verificate. Ma i danni strutturali sarebbero troppo consistenti per qualsiasi intervento di messa in sicurezza.

L'incendio tra Via Miglioli e Via San Felice, nella zona industriale del paese. Sarebbero stati proprio i familiari del titolare, che abitano nella casa accanto, a dare l'allarme per primi. Si sono poi allontanati a piedi, spaventati dai boati che sono stati sentiti anche dalle altre aziende.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente di un metro e mezzo in classe: panico tra i bimbi della scuola elementare

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Fabio Volo nella bufera per i commenti su Ariana Grande: la sua replica

  • Attraversa l'autostrada, ucciso da un tir: famiglia devastata, era padre di due bimbi

  • Aperitivi e cocaina: arrestato barista, chiuso il locale

  • Orrore davanti a turisti e passanti: donna si mozza un dito al porto

Torna su
BresciaToday è in caricamento