Cronaca

Calcioscommesse: Brescia-Bari sempre nel mirino della procura

L'inchiesta della Procura di Cremona sul Calcioscommesse continua a minare la credibilità dello sport ritenuto il più bello del mondo, arricchendosi di particolari che potrebbero portare sviluppi eclatanti in tempi brevi

Napoli-Samp, Brescia-Bari, Bari-Samp e Bari Roma: si allunga la lista delle partite di serie A che sarebbero finite sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti nella seconda tranche dell'inchiesta sul calcioscommesse. Altre quattro gare che rendono il quadro ancora più grave anche sul piano sportivo, qualora venisse accertata la responsabilità di tesserati.

- Calcioscommesse: sempre più ombre sul Brescia, prime ammissioni
- «Per manipolare Brescia-Mantova ci hanno pagato 60.000 euro»


Per quanto riguarda il Brescia, la partita incriminata è quello del 6 febbraio 2011: alla 24/a giornata si affrontano le ultime due formazioni nella classifica di serie A (retrocederanno entrambe). I tre punti vanno alle Rondinelle grazie alle reti di Diamanti su rigore (decretato al 16' del primo tempo dall'arbitro Rizzoli per un fallo di Gazzi su Koné) e di Caracciolo nei minuti di recupero, che conclude un contropiede battendo Gillet con un tiro in diagonale. Con questa vittoria il Brescia scavalca il Cesena (22 punti contro 21).


Intanto, dei nuovi sviluppi dell'inchiesta si sta occupando il procuratore federale della Figc, Stefano Palazzi, giovedì a Cremona, venerdì a Bari per raccogliere informazioni in vista di un inevitabile processo sportivo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcioscommesse: Brescia-Bari sempre nel mirino della procura

BresciaToday è in caricamento