Tenta il suicidio in casa, giovane mamma salvata appena in tempo

Eroico salvataggio di Polizia Locale e Carabinieri a Calcinato: giovane mamma poco più che 30enne trovata con i polsi recisi nella vasca da bagno

Una giovane donna di poco più di 30 anni, e madre di un bambino, ha cercato di togliersi la vita lunedì mattina a Calcinato: si è tagliata le vene con un coltello da cucina. E' stata salvata appena in tempo dal provvidenziale intervento, congiunto, di Polizia Locale e Carabinieri. Agenti e militari hanno sfondato la porta di casa, mentre venivano allertati i soccorsi. L'hanno trovata nella vasca da bagno, già svenuta.

Tutto è successo ancora prima delle 9. A dare un primo allarme i colleghi di lavoro della ragazza, preoccupati perché non si era presentata in sede, e aveva pure spento il telfono: loro  hanno allertato i familiari della giovane, che a loro volta hanno allertato il 112.

Dopo la segnalazione, sul posto si sono allora precipitati gli agenti della Locale intercomunale e i carabinieri. Hanno sfondato la porta, e l'hanno trovata stesa nella vasca ormai priva di sensi, in un bagno di sangue.

La corsa disperata in ospedale

Come detto aveva provato a farla finita tagliandosi le vene dei polsi con un coltello da cucina. Ancora incosciente, forse più per lo shock che per l'emorragia, è stata caricata in barella e trasferita d'urgenza, in codice rosso, all'ospedale di Montichiari. Le ferite sono state tamponate appena in tempo: non è più in pericolo di vita. Ma rimarrà in ospedale ancora qualche giorno, sotto stretta osservazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di mamma Mara, uccisa a bastonate: aveva una bimba di 5 anni

  • Mara è stata uccisa di notte tra i campi, come il padre nel '93

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento