«Lo scoppio, poi Ionut ha chiuso gli occhi iniziando a tremare»

Restano disperate le condizioni di Ionut Imandita, il ragazzo 18enne colpito alla testa da un proiettile nel campo nomadi di via Campagna a Calcinato. Intanto gli inquirtenti stanno seguendo la pista del regolamento di conti

Le condizioni di Ionut Imandita, il ragazzo raggiunto alla testa da un proiettile nel campo nomadi di via Campagna a Calcinato, sono ancora gravissime, sebbene si siano stabilizzate dopo l'operazione nel reparto di neurochirurgia, dove i chirurghi gli hanno estratto i frammenti di proiettile.

ARRESTATO IL PADRE DI FRANCESCA MANCA, AVREBBE UCCISO IL GIOVANE NOMADE PER VENDICARE LA MORTE DELLA FIGLIA

Intanto continuano le indagini dei carabinieri della Compagnia di Desenzano e Calcinato, coadiuvate dagli uomini della Sis, la sezione investigazioni scientifiche.
Secondo il racconto dei familiari che si trovavano con lui al momento della tragedia, tre uomini e una donna, mercoledì sera si è sentito dall'esterno un forte scoppio, "sembrava un petardo". Subito dopo Ionut ha chiuso gli occhi e si è accasciato a terra. Soccorso e portato in macchina all'ospedale di Montichiari, è stato trasferito al Civile per essere operato d'urgenza.

IONUT NON CE L'HA FATTA, IL SUO CUORE HA SMESSO DI BATTERE VENERDI' MATTINA ALLA DIECI
LE INDAGINI SULLA PISTA DEL REGOLAMENTO DI CONTI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento