Raid sacrilego al cimitero: aprono la bara, defunta depredata di vestiti e gioielli

Il blitz al cimitero di Calcinatello nella notte tra domenica e lunedì: depredata la tomba di una donna di etnia rom. Sull’accaduto indagano i carabinieri

Foto d'archivio

Secondo raid sacrilego nei cimiteri bresciani, a pochi giorni e a pochi chilometri l’uno dall’altro: dopo il blitz ancora senza spiegazioni né responsabili (almeno per ora) al camposanto di Raffa di Puegnago, dove la scorsa settimana sono state divelte e aperte due bare, mentre una banda di ladri in azione nella notte tra domenica e lunedì al cimitero di Calcinatello, frazione di Calcinato. E’ bene chiarire che non vi è alcuna connessione tra i due fatti.

A Calcinatello, a quanto pare, è stata depredata la tomba di una donna di etnia rom, che era stata sepolta insieme ai suoi gioielli di famiglia: in qualche modo i banditi ne sono venuti a conoscenza e così sono andati a colpo sicuro. Il raid è stato organizzato nei minimi dettagli: prima è stata sradicata la lapide, poi tagliato il cemento di protezione con un flessibile, infine la bara aperta a martellate.

La defunta derubata di vestiti e gioielli

Senza alcuno scrupolo, i ladri hanno sfilato i gioielli dalla defunta, derubandola pure della pelliccia di visone che aveva indosso. Poi se la sono data a gambe scavalcando il cancello, approfittando del buio della notte. L’allarme è stato lanciato la mattina successiva dai custodi addetti all’apertura del cimitero, che hanno subito avvisato il Comune e le forze dell’ordine

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini sono state affidate ai carabinieri, che stanno vagliando la pista (ma è soltanto un’ipotesi) di una presunta diatriba tra diverse famiglie rom. Un’altra tomba, infatti, era stata quasi profanata soltanto un paio di mesi fa: in quell’occasione però, dopo qualche tentativo mancato, i banditi avevano rinunciato ed erano fuggiti a mani vuote. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla e Ines, la tragedia sulla strada per le vacanze

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Si appoggia a un masso e precipita nel vuoto: addio a Saverio

  • Intrappolato nel sottopasso, ragazzo di 30 anni rischia di annegare in auto

Torna su
BresciaToday è in caricamento