Dalla Franciacorta alla Calabria, bracconieri bresciani in trasferta

La Polizia Provinciale ha sequestrato fucili e munizioni, un richiamo illegale e la selvaggina catturata: denunciati due bracconieri originari di Gussago, colti sul fatto nella campagne di Cassano Ionio, in Calabria

Dalla Franciacorta alla Calabria, in trasferta per cacciare di frodo. Sono stati denunciati due cacciatori bresciani, originari di Gussago, ‘beccati’ dalla Polizia Provinciale nei pressi di un capanno, nelle campagne di Cassano Ionio, in Provincia di Cosenza.

Lo stesso capanno era una loro ‘idea’, posizionato in via provvisoria; al suo interno alcune allodole utilizzate come richiami vivi, oltre che ad un richiamo acustico ‘meccanico’ ma illegale.

Sono stati anche sequestrati i loro fucili e le munizioni, assieme ad un ingente quantitativo di selvaggina già abbattuta e catturata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

  • Si compra la cocaina con i soldi delle multe: sospeso agente della Locale

Torna su
BresciaToday è in caricamento