Cronaca Centro / Via del Tagliamento

La cronaca della tragedia: si sveglia e poi crolla a terra, ucciso dal gas silenzioso

Aveva 93 anni Bruno Delbon, morto tra domenica e lunedì per le esalazioni da monossido di carbonio. La moglie è ancora grave in ospedale

Si sarebbe svegliato, poco prima dell'alba, forse rendendosi conto che qualcosa non stava andando come doveva: con la testa che gira e i primi mancamenti, dalla camera da letto ha raggiunto a fatica il bagno, e qui poi si è accasciato a terra, privo di sensi. E' morto così il 93enne Bruno Delbon, l'ennesima vittima del monossido di carbonio: ucciso nella notte tra domenica e lunedì probabilmente a causa di un malfunzionamento dell'impianto di riscaldamento.

La tragica scoperta

Si è salvata, ma è in gravissime condizioni in ospedale, la signora Delbon, di circa 10 anni più giovane del marito: l'hanno trovata nel letto che aveva perso ormai conoscenza, ma ancora viva. E' stata la figlia della coppia ad accorgersi per prima di quanto accaduto.

Intorno alle 9 ha raggiunto casa dei genitori, in una palazzina al civico 28 di Via Tagliamento, non lontano da Viale Piave: lo faceva spesso, a volte pure si fermava a dormire da loro. Ma lunedì si è accorta subito di  una serie di anomalie, tra cui porte e finestre ancora chiuse.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cronaca della tragedia: si sveglia e poi crolla a terra, ucciso dal gas silenzioso

BresciaToday è in caricamento