Brescia: "Sono posseduto", genitori violentano figlia e nipotina

Arrestati due coniugi, assieme alla sorella della donna, con l'accusa di violenza sessuale su due minori. L'uomo giustificava le aggressioni fingendo di essere posseduto dal demonio

La Squadra mobile di Brescia ha arrestato due coniugi dopo la condanna - a 10 anni lui e a 5 anni lei - per violenza sessuale ai danni della figlia e della nipote, entrambe minorenni. A finire in manette anche la sorella della donna. Tutti e tre, con un'età compresa tra i 50 e i 55 anni, sono nati nella ex Jugoslavia. I fatti sono accaduti in città tra il 2000 ed il 2005.

Gli agenti hanno incominciato ad occuparsi della vicenda nel 2004, su segnalazione di un medico ginecologo dopo una visita alla nipote dell'uomo. La giovane temeva di essere incinta, ma non aveva voluto indicare chi era il partner, né chiarire le circostanze che avevano condotto al rapporto sessuale.

L'indagine ha consentito di accertare che l'uomo aveva persuaso la moglie e la madre della nipote - si legge una nota della Questura - "di essere indemoniato e di poter contrastare il potere del diavolo solo convincendo le due ragazze (nipote e figlia) ad avere rapporti sessuali con lui".

Vittime della stessa opera di persuasione anche le minorenni violentate, una delle quali affetta da condizioni di inferiorità psichica, costrette ad accettare loro malgrado le richieste dell’uomo.

Numerosissimi i rapporti sessuali accertati singolarmente, ma anche con violenze di gruppo cui partecipavano, contemporaneamente, le due minori e le loro madri. Se le ragazze  provavano ad opporsi alle richieste, l’uomo fingeva di essere "posseduto", simulando convulsioni e modificando il tono della voce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'epoca dei fatti, i tre soggetti arrestati non avevano un'attività stabile, ma vivevano di espedienti grazie all’aiuto dei familiari. Le indagini sono state coordinate dal pm Roberta Licci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 1 aprile 2020

  • Arresto cardiaco, muore nella sua auto: era in malattia e aveva la febbre

  • Ingerisce una batteria e rimane soffocata: morta bimba di tre anni

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 2 aprile 2020

  • Coronavirus: morto cassiere di 57 anni, supermercato chiuso per lutto

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in 20 giorni sono morti tre fratelli

Torna su
BresciaToday è in caricamento