menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

"Mi palpeggiava con massaggi hot", la cognata lo porta in tribunale

Secondo l'accusa, l'uomo, un 51enne, avrebbe palpeggiato la parente durante alcuni trattamenti a sfondo terapeutico. Tesi bocciata dal giudice

Su di lui pesava un'accusa pesante, mossa, peraltro, da una familiare. In tribunale c'era finito per rispondere di violenza sessuale e ne è uscito con la fedina penale completamente pulita. Il giudice non ha creduto alle tesi della cognata e lo ha assolto perchè il fatto non sussiste.

La vicenda risale ad alcuni anni fa e ha per protagonisti un 50enne residente nel Bresciano e la cognata. Tutto sarebbe accaduto nel corso di alcuni trattamenti a scopo terapeutico che l'uomo avrebbe fatto alla parente. Durante le sedute il 50enne si sarebbe spinto un po' oltre, superando il confine tra massaggio e palpeggiamento. 

'Carezze' che la donna non avrebbe affatto voluto e gradito, stando alla tesi dell'accusa, tanto da spingerla a sporgere denuncia nei confronti del cognato, trascinandolo in tribunale per il dibattimento. Nel corso del processo, il 50enne ha raccontato la sua versione dei fatti: avrebbe ammesso di aver palpeggiato la parente, ma solo dopo aver ottenuto il suo consenso. 

L'uomo è riuscito a convincere il giudice, che ha negato completamente le richieste dell'accusa- che per lui aveva chiesto una condanna a sei anni per violenza sessuale- assolvendolo perchè il fatto non sussiste.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus: il Comune bresciano che ha contagi da zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento