Cronaca

Botte e minacce di morte alla moglie e alla figlia adolescente: arrestato dopo anni di violenze

Per un 64enne italiano le manette sono scattate in flagranza di reato: durante l'ennesimo pestaggio la figlia 14enne ha chiesto aiuto ai carabinieri mettendo fine ai maltrattamenti

Un nuovo brutale caso di violenza domestica è emerso nel Bresciano. Nei giorni scorsi i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Brescia hanno arrestato in flagranza di reato un uomo di sessantaquattro anni che da tempo maltrattava la moglie e figlia di quattordici anni.

A chiedere aiuto, facendo scattare le manette, è stata la figlia adolescente: durante l'ennesimo pestaggio ha preso il telefono e ha trovato il coraggio di chiamare il numero unico per le emergenze. Tempestivo l'intervento dei militari e inequivocabile lo scenario che si sono trovati di fronte: il 64enne, ubriaco fradicio, aveva malmenato la moglie e la figlia, distruggendo l'abitazione. I carabinieri hanno tentato di calmarlo, ma lui se la sarebbe presa anche con loro. Come se nulla fosse avrebbe pure continuato a minacciare di morte le due donne.

Mentre il 64enne veniva portato in caserma, moglie e figlia sono state accompagnate in ospedale, al Civile di Brescia, per le cure del caso: entrambe hanno riportato lesioni giudicate guaribili in 10 giorni.  Un episodio non isolato, minacce e maltrattamenti andavano avanti da ben 17 anni, come ha raccontato la moglie che ha finalmente trovato la forza per denunciare tutte le violenze subite nel corso del matrimonio.  Il 64enne è stato arrestato per il reato di maltrattamenti in famiglia e per lui si sono aperte le porte del carcere di Canton Mombello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botte e minacce di morte alla moglie e alla figlia adolescente: arrestato dopo anni di violenze

BresciaToday è in caricamento