La maxi-rissa e poi il rogo: espulsi tre giovani, bar a rischio chiusura

Le indagini proseguono, e arrivano i primi provvedimenti della Questura: tre giovani protagonisti della rissa di Via Corfù verranno presto espulsi dall'Italia

Rogo in via corfù (Fonte: Facebook)

I primi provvedimenti non si sono fatti attendere: per tre cittadini pakistani, protagonisti della maxi-zuffa di Via Corfù in cui sono state investite due persone, e da cui poi si è scatenato il rogo doloso in cui è rimasta distrutta anche l'automobile di un residente, che non c'entrava nulla, a breve scatterà il trasferimento coatto in un Cie, un Centro di identificazione ed espulsione dove si provvederà poi all'espulsione, e al rimpatrio in Pakistan.

Le indagini proseguono, e con il passare dei giorni il quadro si fa sempre più chiaro. Sarebbero stati i pesanti apprezzamenti a una ragazza della compagnia da parte del proprietario della Ford Mondeo bianca poi andata distrutta ad accendere la miccia della zuffa all'esterno del bar Coccinella, da cui sarebbero arrivati i “rinforzi” e che ora rischia la revoca definitiva della licenza, dopo diverse chiusure temporanee, risse e denunce per spaccio a carico degli avventori del locale.

Niente droga comunque, ma rabbia e gelosia: il ragazzo della Ford avrebbe fatto qualche complimento di troppo alla ragazza di uno dei componenti dell'altra “banda”. Parole e spintoni, qualche minaccia, poi la Ford che si accende a tutta velocità, ne investe due (senza gravi conseguenze) prima di fermarsi, viene inseguita e colpita con mazze e bastoni.

Quella stessa auto solo un paio di notti dopo verrà completamente distrutta da un incendio, un rogo doloso su cui sta indagando la Questura, e quasi sicuramente collegato alla zuffa di qualche sera prima. Nell'incendio però, come detto, è andata distrutta l'Alfa 147 di un residente in zona, che non c'entrava assolutamente niente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento