Cerca di soffocare la madre infilandole il cellulare in bocca

L'aggressore è un bresciano di 37 anni con dipendenza da alcol e droga. I fatti risalgono al 21 aprile scorso, ma sono stati resi noti soltanto oggi

Urago Mella

Un 37enne bresciano, con noti problemi di dipendenza da alcol e da sostanze stupefacenti, è stato arrestato dalla polizia locale di Brescia per il tentato omicidio della madre 75enne.

Dopo essere rientrato ubriaco a casa della madre nel quartiere di Urago Mella, l'uomo l'ha aggredita selvaggiamente, picchiandola e arrivando ad infilarle un telefono cellulare in gola nel tentativo di soffocarla, rompendole alcuni denti. Soltanto l'intervento di una vicina di casa ha evitato il peggio.

La donna è stata ricoverata in ospedale e poi collocata in una struttura protetta grazie anche all'attività del Gruppo soggetti deboli, cui fanno parte polizia locale e polizia provinciale coordinate dalla procura di Brescia. L'uomo era già stato arrestato nel 2009 per atti di violenza sulla madre e sul padre, deceduto nel 2010.

(fonte: Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento