Cronaca Via Vittorio Trainini

L'auto è accesa, lui è steso sul volante: lo pensavano morto

I vigili del fuoco hanno dovuto rompere il finestrino della macchina. Poi la sorpresa

Chi lo ha visto nella sua auto ferma, in mezzo ad un parcheggio, ha pensato subito che avesse avuto un malore improvviso e ha fatto scattare immediatamente l’allarme. Il motore della macchina era infatti ancora in moto e i tergicristalli in funzione, ma l'uomo alla guida non dava segni di vita.

La chiamata al 112 è scattata verso le 8 di lunedì mattina, da un piazzale di via Vittorio Trainini a Brescia, e sul posto sono sopraggiunti, in codice rosso, i vigili del fuoco, un’ambulanza e un’automedica. E per lunghi, interminabili istanti si è davvero temuto il peggio: i pompieri avrebbero più volte bussato sulla carrozzeria dell'auto, senza però ottenere alcuna risposta. L’uomo al volante, un 38enne, pareva totalmente privo di sensi e non c’era tempo da perdere, così i vigili del fuoco hanno mandato in frantumi un finestrino per fare irruzione nell’abitacolo. Poco dopo, la sorpresa: l’automobilista si è svegliato di soprassalto, come se nulla fosse successo.

A chi lo ha soccorso avrebbe poi raccontato di essersi addormentato, forse mentre rincasava, nella tarda notte di domenica. Tutto è bene ciò che finisce bene: stordito, ma in buona salute, per l’automobilista non si è reso necessario il ricovero in ospedale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'auto è accesa, lui è steso sul volante: lo pensavano morto
BresciaToday è in caricamento