menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Morto sacerdote bresciano: “Sempre dalla parte dei più deboli”

Nato a Brescia ma messicano di adozione: Umberto Parizzi vi ha vissuto per più di 40 anni. Da giovanissimo prese i voti da comboniano, poi una vita di solidarietà. Si è spento a 84 anni, lunedì mattina i funerali

Decine di persone per l'ultimo e commosso saluto a padre Umberto Parizzi, volto più che noto del volontariato bresciano, missionario da una vita passata a difendere i più deboli. Bresciano di origine, appunto, ma messicano d'adozione: proprio in Messico ha vissuto per più di 40 anni. I funerali lunedì mattina nella chiesa del Buon Pastore a Brescia, in Viale Venezia.

Umberto Parizzi era un “Padre Comboniano”, con cui aveva preso i voti da giovanissimo. Si è spento a 84 anni, in silenzio, dopo una vita passata al servizio degli altri, soprattutto se più deboli. Aveva scelto il Messico, lasciando la sua terra natia.

Ha vissuto nella California del Sud, e a Baia Tortuga. Il suo primo “viaggio” durò quasi 15 anni, dal 1965 al 1979. Poi il ritorno in Italia, per qualche anno, prima di ripartire ancora, e per restare: dal 1983 al 2008, per altri 25 anni. Lo chiamavano “padre Gritton”, si dice per la sua voce forte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento