Tumori al PCB a Castegnato e Passirano: 727 morti in 30 anni

Dati shock in provincia di Brescia sul tasso di mortalità a causa di tumori correlati all'inquinamento di PCB: a Castegnato, Passirano e nei Comuni limitrofi 24 morti all'anno, 727 dal 1980 al 2009

Poco più di 24 persone all’anno, per un totale di 727 in meno di un trentennio, dal 1980 al 2009. Le persone morte a causa di un tumore al fegato nell’area di Castegnato e di Passirano, e in una decina di Comuni limitrofi. Dati sconvolgenti sulla qualità della vita (e dell’ambiente) nella provincia di Brescia, emblematici perché coinvolgono non solo paesi praticamente ‘incollati’ alla città, come Castegnato appunto, ma anche paesi immersi nel cuore della Franciacorta e dei suoi vigneti, vedi Passirano.

I risultati di un’indagine prodotta dall’Enea, l’Ente Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile, presentati in occasione di un convegno organizzato dalla Cgil di Brescia e ripresi dal Corriere della Sera.

Dati che addirittura non sarebbero così sconvolgenti, quanto piuttosto in linea con la letteratura scientifica degli ultimi anni. E lo avrebbe confermato anche l’ASL, ribadendo il concetto senza mezzi termini: sono dati in linea anche “con le nostre analisi più recenti”.

Non c’è una correlazione diretta con gli inquinanti di acqua e terreno. Rimane il grande accusato, il PCB che non si trova solo nell’area vasta della Caffaro, ma che oltre alla città ha invaso anche la campagna. Non solo fabbriche quindi, ma discariche e altri simili impianti di trattamento. Che fanno di Brescia e del suo hinterland allargato un vero caso nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre ai tumori al fegato infatti si registrano percentuali anomale di melanomi, di linfomi non Hodgkin – a Passirano +44% tra gli uomini rispetto alla media regionale – e di tumori alla mammella, +18% a Castegnato. Tumori associati al PCB, spiega ancora l’Asl di Brescia, in quantità più elevate rispetto ad altre zone. Una (brutta) storia che forse già si conosceva. Ma per cui si è fatto davvero poco per rimediare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane papà stroncato dal Coronavirus: Alessandro aveva solo 48 anni

  • Coronavirus: giovane direttrice di banca trovata morta in casa dal fratello

  • Economia bresciana in lutto: nello stesso giorno muoiono due imprenditori

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

  • Coronavirus, nel Bresciano 274 contagi e 69 decessi nelle ultime 24 ore

  • "Hai combattuto da eroe": addio a Marco, morto a soli 43 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento