Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Centro / Piazza Paolo VI

“Vino di lusso, a 90 euro a bottiglia”: ma il ristoratore chiama i carabinieri

Smascherata la truffa del vino di lusso, che tanto di lusso non era: valeva 2 o 3 euro a bottiglia, veniva venduto a più di 100 euro al litro

Vino che sul mercato viene venduto a due o tre euro, massimo, spacciato come un raffinatissimo Bordeaux da più di 100 euro al litro: è questo il modus operandi, che purtroppo da qualche parte ha funzionato, della truffa messa in scena da una coppia, forse tre malfattori, e che hanno provato a gabbare Carmine Pasquariello, il titolare del Gusto Italiano di Piazza Duomo a Brescia.

La telefonata sospetta

Tutto è cominciato con una telefonata, che si rivelerà sospetta solo in seguito: una donna, tale Silvia, chiama al Gusto Italiano e chiede di poter organizzare un importante pranzo di lavoro. Tanto importante che deve essere organizzato nei minimi dettagli: dalla scelta del menu, tra casoncelli e bagoss, fino al vino da servire in tavola.

“Dev'essere un vino francese speciale, che al mio cliente piace tanto: tre bottiglie a tavola e tre da regalare a lui”. Storia strana? “Purtroppo il fornitore non vende ai privati, ma solo ai ristoratori. Se può le lascio il contatto, così ci pensa lei”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Vino di lusso, a 90 euro a bottiglia”: ma il ristoratore chiama i carabinieri

BresciaToday è in caricamento