Cronaca San Polo

Suonano alla porta e chiedono aiuto: la truffa del campanello

Nuove segnalazioni di truffe in arrivo da San Polo, a Brescia: l'inganno del campanello nel cuore della notte, quando una donna chiede soldi per il carro attrezzi, a seguito di un (falso) incidente stradale

La truffa del campanello, magari con qualche ‘ritocco’ ma (purtroppo) sempre efficace. Perché è successo ancora una volta, a San Polo, a qualche mese dalle ultime segnalazioni arrivate dalla provincia di Brescia.

Solitamente una donna, che suona alla porta nel cuore della notte. E che con voce e fare agitato chiede disperatamente aiuto, fingendo un incidente stradale e l’impellente bisogno di pagare il carro attrezzi, per poter tornare a casa.

Vittime preferite, gli anziani. Colti magari da compassione, o comunque ‘storditi’ dal brusco risveglio in ora tarda, si lasciano andare alla generosità e magari ‘sganciano’ qualche decina di euro.

Soldi che, ovviamente, non torneranno più indietro. Per l’ennesima truffa di questa calda estate bresciana.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suonano alla porta e chiedono aiuto: la truffa del campanello

BresciaToday è in caricamento