Allarme bomba in tribunale: "Lo faccio saltare in aria e ammazzo il magistrato"

Allarme bomba al Tribunale di Brescia, subito rientrato: denunciato un mitomane. La telefonata al Palazzo di Giustizia, sabato mattina, a pochi giorni dalla visita del presidente Mattarella

Foto d'archivio

Prima minaccia: “Metterò una bomba al Palazzo di Giustizia di Brescia”. Seconda minaccia: “E strozzerò anche il magistrato che sta indagando su di me”. Discorso chiuso, per ora: l'uomo è stato rintracciato e denunciato per procurato allarme. Sono da verificare i suoi “disguidi” con la giustizia.

Ma l'allarme c'è stato, eccome. Soprattutto perché la telefonata poteva essere “misurata” nel giorno della presenza del presidente della Repubblica. Il mitomane, o chi per lui che ha alzato il telefono, ha detto di essere pronto ad agire anche martedì.

Quando appunto in città c'era il presidente. Tribunale blindato, ma fin da subito: la telefonata è arrivata sabato, l'intera struttura è stata evacuata e “bonificata”, verificata in ogni minimo dettaglio. E di tracce di bombe, manco l'ombra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • In arrivo intensa ondata di maltempo, porterà pioggia e abbondanti nevicate

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

Torna su
BresciaToday è in caricamento