Cronaca San Polo / Via San Polo

"Case popolari per tutti", attivisti occupano la Torre Tintoretto

La protesta sabato pomeriggio per chiedere al comune di rivedere la decisione di affidare lo stabile ad una società privata, che provvederà al suo abbattimento, e aprire un dibattito pubblico sul futuro della Torre

Sabato pomeriggio il Movimento di lotta per la casa di Brescia (Associazione Diritti per tutti, magazzino 47 e Collettivo gardesano autonomo) ha occupato un ex locale commerciale, da anni inutilizzato, che si trova ai piedi  della Torre Tintoretto, nel quartiere San Polo. Uno stabile abbandonato da tempo, simbolo del degrado della zona, che ospitava ben 195 appartamenti popolari.

Della sua riqualificazione se ne parla da anni, tantissime le idee per dargli nuova vita, peccato che nessun progetto sia mai passato dalla carta alla realtà. Pochi giorni fa la Loggia ha annunciato di voler affidare la Torre ad una società privata: la Investire Sgr del gruppo Banca Finnat, che la vorrebbe demolire per costruire alloggi privati di housing sociale. Da qui la protesta.

" Gli affitti si agirerebbero attorno ai 400 euro - fanno sapere gli attivisti in una nota - assolutamente inaccessibili per molte famiglie vittime della crisi e della precarietà che solo nell'ERP, edilizia residenziale pubblica, possono trovare una risposta al proprio bisogno di casa e alla situazione di sfratto. Con questa azione si apre la campagna di mobilitazione contro la distruzione di una parte importante del patrimonio immobiliare pubblico, 195 case popolari, per privatizzarlo. "

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Case popolari per tutti", attivisti occupano la Torre Tintoretto

BresciaToday è in caricamento