Cronaca

Riciclaggio di denaro per milioni di euro: in manette imprenditore e compagna

In manette l'imprenditore Angelo Mulè e la compagna Patrizia Tretti, entrambi residenti nella nostra provincia, e due imprenditori di Taormina. Sequestrato un patrimonio di oltre due milioni di euro

Si erano conosciuti all'interno dei club più esclusivi di Taormina: qualche drink, due chiacchiere e poi gli affari illeciti. Dietro la "bella vita" di quattro imprenditori - due residenti nel bresciano, altrettanti nella città siciliana - si celava il riciclaggio. 

Per questo la guardia di finanza ha eseguito questa mattina quattro ordinanze di custodia cautelare, una in carcere e tre ai domiciliari, nell’ambito dell’operazione denominata, appunto,  “Bella Vita”.  Angelo Mulè, originario di Licata ma residente a Brescia, è finito in carcere, mentre la compagna Patrizia Tretti e  i taorminesi Antonino Nicita e Rocco Frisone sono ai domiciliari. 

Le indagini sono scattate nel 2014,  quando le fiamme gialle hanno scoperto che Nicita prestava illecitamente soldi a persone in difficoltà economica, per lo più per le perdite dovute al gioco d’azzardo. Proprio seguendo i movimenti bancari di Nicita i finanzieri sono risaliti al riciclaggio di denaro: quest’ultimo riceveva ripetutamente assegni da società bresciane riconducibili a Mulè, già interessato da altre indagini delle fiamme per aver costituito società fittizie al fine di eludere le imposte, nonché per bancarotta fraudolenta. Tant'è che su di lui pendeva un mandato di cattura internazionale eseguito in Svizzera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riciclaggio di denaro per milioni di euro: in manette imprenditore e compagna

BresciaToday è in caricamento