Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Borgo Whurer / Via Francesco Sanson

Sulla casa dell’ex partigiano, si inneggia alle camere a gas

Una svastica e scritte ingiuriose apparse in Via Sanson a Brescia, a due passi dalla casa di Loris Abbiati. Ex militante PCI, con una sorella senatrice e una famiglia partigiana, massacrata da nazisti e fascisti

Birra, orgasmi e camere a gas. Questa la scritta apparsa (ma già rimossa) a ridosso dell’abitazione di Loris Abbiati, storico militante del PCI e fratello della più nota Dolores, che per il Partito fu pure senatrice. A fianco dell’ingiuria, una svastica.

Succede ancora, a Brescia. Questa volta in Via Francesco Sanson, per quella che è chiaramente una provocazione, ma potrebbe addirittura apparire come una minaccia. Ma che va a colpire nel segno, perché la famiglia Abbiati ha un passato a dir poco partigiano: non solo il confino ma anche un papà e uno zio massacrati dai nazifascisti.

Indagini della Digos, per cercare di risalire agli imbrattatori. Si sa che hanno agito di notte, bomboletta spray di colore nero e cappuccio in testa. Indizi decisivi, forse, dalle immagini di alcune videocamere di sorveglianza private.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sulla casa dell’ex partigiano, si inneggia alle camere a gas

BresciaToday è in caricamento