Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Santa Maria in Silva

Svastiche sull'auto di Don Fabio, Anpi: «Tratti preoccupanti»

Il fatto risale al 26 aprile scorso, nell'oratorio di Santa Maria in Silva. Oggi la solidarietà al parroco da parte del gruppo Nuova-Resistenza Anpi Brescia e del Partito Democratico

Don Fabio Corazzina, ex coordinatore nazionale del movimento cattolico di Pax Christi, lo scorso 26 aprile è stato vittima di un atto vandalico di matrice neonazista.

Nel parcheggio dell'oratorio di Santa Maria in Silva, durante la notte la sua auto è stata ricoperta di svastiche disegnate con bombolette di vernice spray.

Don Fabio se ne è accorto solo la mattina seguente, quando ha salutato venti studenti e i dieci accompagnatori pronti a partire in bicicletta per Ginevra con l'edizione scolastica dell'iniziativa "Per... corri la pace".

"Peccato che l'abbiano fatto alla vigilia di un'iniziativa sulla solidarietà e la tolleranza", è stato l'amaro commento di Don Fabio, "ma ormai ci sono abituato."

Ad esprimere solidarietà al sacerdote, il gruppo Nuova-Resistenza Anpi Brescia: “Alcune settimane fa era nostro ospite per una discussione sull’11esimo Articolo della Costituzione, vittima di un altro atto vandalico di evidente matrice neonazista. Purtroppo non è la prima volta che accadono atti del genere nei confronti di persone come Don Fabio, sempre impegnato a diffondere il valore della pace e dei diritti costituzionali. Serve una presa di posizione forte delle associazioni democratiche del territorio contro queste azioni che non sono solo vandaliche, ma assumono tratti preoccupanti”.

A fianco di Don Fabio anche Bisinella, segretario provinciale del Partito Democratico: "Conosciamo il suo coraggio e sappiamo che non si farà intimidire, ma continuerà il suo impegno di prete militante per la pace e la sua attiva presenza nella vita politica e civile, così necessaria nella nostra città".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Svastiche sull'auto di Don Fabio, Anpi: «Tratti preoccupanti»

BresciaToday è in caricamento