Case scoperchiate, alberi abbattuti, strade allagate: la supercella ha devastato la città

Danni per milioni di euro, e il bilancio è ancora provvisorio: gli effetti pratici della violentissima tempesta che lunedì sera si è abbattuta anche su Brescia

Danni della tempesta a San Polo

Chi raccoglie i suoi cocci ha poco altro da dire: “Per fortuna è durato poco”. Poco o tanto, tra i 15 e i 20 minuti: momenti che per chi li ha vissuti sembravano non passare mai. Venti fino a 110 chilometri orari, pioggia fittissima e grandine. Gli effetti del downburst che ancora una volta si è abbattuto nel Bresciano, provocato dalla supercella che lunedì sera è transitata sulla nostra provincia (cupa e minacciosa: il cielo faceva paura).

Non c'è paese, o quasi, che sia stato risparmiato dalla furia della tempesta. Anche a Brescia i danni sono tanti: già si parla di milioni di euro per rimettere tutto a posto. Qua e là in tutta la città, dai confini alla periferia. A Sant'Eufemia, Caionvico, e poi San Polo, la zona sud, il Villaggio Sereno. Niente è stato risparmiato dal maltempo, anche il nuovo PalaLeonessa che ha subito danni alla tettoia esterna.

La conta dei danni: un bilancio milionario

In ordine sparso: danni alle coperture dell'oratorio San Filippo al Villaggio Sereno e del PalaLeonessa, il palazzetto dove gioca il basket Brescia. E ancora capannoni scoperchiati nelle zone industriali. In Via Venturi, a Fornaci, una pianta è stata sradicata ed è caduta su una casa: per fortuna nessun ferito. Danni anche in Via Volta, dove è stata scoperchiata una palazzina. Le case ai piani alti sono state dichiarate inagibili.

Volano coppi e tetti, alberi che si spezzano. Strade chiude per permettere le operazioni di messa in sicurezza. Allagati (e dunque chiusi al traffico) i sottopassi di Via Cadorna, Via Corsica e Via Zammarchi. Il vento e la pioggia hanno “inquinato” anche i binari ferroviari, non solo della linea normale: anche la metropolitana è stata fermata per un po', per motivi precauzionali.

Colpita tutta la città, da San Polo a Fornaci

Da San Polo a Fornaci, anche le periferie non sono state risparmiate. E l'hinterland: Flero, Roncadelle. Tantissimi gli alberi abbattuti che hanno bloccato le strade. Poi cantine e case allagate. Altri capannoni scoperchiati. I pannelli fotovoltaici, le coperture dei garage. Un elenco che sembra non finire mai. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La macchina comunale è al lavoro per verificare gli effetti del nubifragio delle ultime ore – fa sapere il sindaco Emilio Del Bono – Fortunatamente non risulta ci siano feriti, ma molti tetti, alberi e abitazioni sono stati danneggiati, soprattutto nella zona sud-est della città. In via precauzionale, i parchi rimarranno chiusi fino alle 14 di martedì per consentire le verifiche da parte dei tecnici”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Nel Bresciano 35 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

  • Brescia: è morto il papà di Francesco Renga, aveva 91 anni

  • Covid, nuova ordinanza della Regione per locali, sport, Rsa e scuole: cosa cambia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento