Cronaca Borgo Whurer / Viale della Bornata

Un volo di 10 metri per dimenticare il brutto voto: ma il ragazzo migliora

E’ ancora ricoverato (in prognosi riservata) al Civile di Brescia il ragazzo di 15 anni che si è buttato da un’aula vuota al secondo piano dell’istituto Pastori di Via Bornata. Inquirenti al lavoro per cercare di capire i motivi del gesto

Foto di repertorio

Sembra che il ragazzo stia meglio. I medici avrebbero infatti confermato i primi lievi miglioramenti, dopo la brutta caduta dell’altro giorno. E’ ancora ricoverato nel reparto di Rianimazione Pediatrica del Civile di Brescia il ragazzo di 15 anni che si è gettato dal secondo piano dell’istituto Pastori: il motivo del folle gesto, un 5 rimediato nella verifica di scienze.

Un volo di circa 10 metri: ha raggiunto un’aula completamente vuota, ha aperto la finestra e ha mandato un sms col cellulare annunciando appunto le sue intenzioni. Poi si è buttato, precipitando nel cortile. In tanti hanno assistito alla scena, dal basso: una ragazza sarebbe pure svenuta, accompagnata in ospedale per accertamenti.

Il ragazzo non sarebbe in pericolo di vita, ma rimane comunque in prognosi riservata. Verrà ascoltato dagli inquirenti solo quando i medici lo decideranno. Qualche dubbio rimane: il giovane a scuola andava bene, benissimo. Era uno dei migliori dell’agraria di Via della Bornata, in tutto 700 studenti, frequenta  il secondo anno: forse non è stato solo il brutto voto a portarlo a compiere l’estremo gesto.

Diverse le reazioni dei compagni di scuola: le abbiamo raccolte in poche righe. Da chi si dice “sotto shock per l’indifferenza mostrata da alcuni compagni”, altri puntano il dito contro i professori, “ci sono insegnanti che ti ridono in faccia quando ti danno delle insufficienze”. “Non si può fare una cosa del genere per un brutto voto – dice invece un ragazzo dell’ultimo anno – Non è maturo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un volo di 10 metri per dimenticare il brutto voto: ma il ragazzo migliora

BresciaToday è in caricamento