Villa Glori: rapina e tentato stupro, condannati i due aggressori

Pene più miti rispetto alle richieste del pubblico Ministero Ambrogio Cassiani

Le hanno rubato la borsetta, l'hanno spinta con forza sulla sua auto e costretta a guidare fino al parcheggio in via Villa Glori della stazione Bosco San Giovanni di Brescia. Poi hanno tentato di violentarla.

Era lo scorso 3 gennaio: vittima una 46enne bresciana, che ha vissuto questi lunghi attimi di terrore dopo essere uscita alle 6 del mattino per andare a lavorare. Fortunatamente, era sfuggita ai suoi aguzzini, recandosi poi dai Carabinieri per denunciare quanto accaduto.

Ora, i due cittadini magrebini di 25 e 22 anni sono stati condannati al termine del processo celebrato davanti al Gup Francesco Nappo.

Quattro anni e mezzo al più vecchio dei due: rapina in concorso e tentata violenza sessuale. Per il 22enne, invece, due anni e due mesi in quanto ritenuto colpevole del solo reato di rapina. Per entrambi gli imputati, il pubblico Ministero Ambrogio Cassiani aveva chiesto una condanna a sei anni.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

  • Ragazzo di 16 anni gravissimo dopo un tuffo: trauma spinale, rischia la paralisi

Torna su
BresciaToday è in caricamento