Villa Glori: rapina e tentato stupro, condannati i due aggressori

Pene più miti rispetto alle richieste del pubblico Ministero Ambrogio Cassiani

Le hanno rubato la borsetta, l'hanno spinta con forza sulla sua auto e costretta a guidare fino al parcheggio in via Villa Glori della stazione Bosco San Giovanni di Brescia. Poi hanno tentato di violentarla.

Era lo scorso 3 gennaio: vittima una 46enne bresciana, che ha vissuto questi lunghi attimi di terrore dopo essere uscita alle 6 del mattino per andare a lavorare. Fortunatamente, era sfuggita ai suoi aguzzini, recandosi poi dai Carabinieri per denunciare quanto accaduto.

Ora, i due cittadini magrebini di 25 e 22 anni sono stati condannati al termine del processo celebrato davanti al Gup Francesco Nappo.

Quattro anni e mezzo al più vecchio dei due: rapina in concorso e tentata violenza sessuale. Per il 22enne, invece, due anni e due mesi in quanto ritenuto colpevole del solo reato di rapina. Per entrambi gli imputati, il pubblico Ministero Ambrogio Cassiani aveva chiesto una condanna a sei anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

Torna su
BresciaToday è in caricamento