E' ai domiciliari ma non smette di spacciare: arrestato per la seconda volta in città

Dopo una serata di spaccio gli agenti della Locale di Brescia hanno messo le manette a un immigrato pakistano recidivo

In tre ore di lavoro ha ricavato 5.300 euro, pari a oltre 1.700 euro all'ora, il tutto mentre era agli arresti domiciliari. Un immigrato pakistano di 45 anni è stato fermato ieri sera in zona stazione dagli agenti della polizia locale di Brescia.
 
L'arresto è stato messo a segno dopo un lungo pedinamento durante il quale gli agenti lo hanno visto cedere diverse dosi di eroina. In tasca, oltre alle bustine ancora da piazzare, il contante di una sera di lavoro, la bellezza di 5.300 euro.
 
Questa volta il pakistano è stato portato a Canton Mombello. Dopo il primo arresto, e la condanna ai domiciliari, aveva affittato in città un altro appartamento che utilizzava come base per la sua attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento