Insensata ferocia in stazione: preso a calci e pugni per il portafoglio

Un'aggressione in piena regola, "condita" da calci e pugni sugli scalini della stazione di Brescia: un 33enne residente fuori città finisce in ospedale, arrestato (e scarcerato) un giovane tunisino

Picchiato sugli scalini della stazione per il portafoglio, tanto da finire in ospedale. La disavventura di un 33enne (residente fuori città) preso di mira nel tardo pomeriggio di lunedì da un giovane tunisino, alla stazione di Brescia.

Un'aggressione in piena regola, “condita” da calci e pugni ripetuti fino alla consegna del borsello. Il tunisino si è poi dato alla fuga, ma è stato intercettato poco più tardi da una volante della Questura. Inevitabile l'arresto.

Condannato a 10 mesi, è stato però subito scarcerato. Il giudice ha comunque posto l'obbligo di divieto di dimora nella città di Brescia. La scena del pestaggio ha allarmato non poco i passanti, che hanno assistito “in diretta” alle botte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento