menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Brescia, NO TAV: un centinaio di manifestanti occupa la stazione

La protesta è avvenuta nella serata di giovedì verso le 18.45, in concomitanza con gli espropri dei terreni in Val di Susa. I manifestanti hanno occupato per circa un'ora l'Ufficio movimentazione della stazione

Un gruppo di circa un centinaio di attivisti No Tav ha occupato intorno alle 18.45 di ieri l'Ufficio movimentazione della stazione di Brescia. "Vogliamo attirare l'attenzione sui soldi che vengono investiti sulla Tav invece che sull'ammodernamento delle linee ferroviarie utilizzate ogni giorno da pendolari e studenti" dice il portavoce degli attivisti. La protesta - durata circa un'ora - si inserisce nell'ambito della mobilitazione nazionale scattata in concomitanza con gli espropri dei terreni in Val di Susa.

"Continua l'incomprensibile protesta dei manifestanti 'No Tav' che ha come pervicace obiettivo rendere impossibile la vita dei pendolari": è il commento dell'assessore alle Infrastrutture e Mobilità della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo.

"Non si comprende davvero il senso di queste contestazioni - ha aggiunto - da una parte i manifestanti reclamano che le risorse destinate alla realizzazione dell'Alta velocità vengano destinate ai treni dei pendolari, dall'altra si creano ritardi e disagi alla circolazione dei treni regionali. E' accaduto ieri mattina alla stazione di Arcore e si ripetuto in serata a Brescia, oltre ai cortei che si sono svolti a Milano".

(fonte: Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus: il Comune bresciano che ha contagi da zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento