Cronaca

Caso Stamina, non è finita: alla sbarra quattro medici bresciani

Comincia giovedì a Torino il processo per i quattro medici bresciani (del Civile) accusati di aver praticato infusioni di cellule staminali contrarie alle norme e pericolose per la salute dei pazienti

Caso Stamina, non è ancora finita. Prenderà il via infatti giovedì mattina (a Torino) il processo contro i quattro dipendenti del Civile di Brescia coinvolti nell'inchiesta sulle “cure miracolose” di Stamina Foundation, i cui capofila erano Davide Vannoni (condannato nel 2015 a 1 anno e 10 mesi) e Marino Andolina, arrestato esattamente un anno fa.

Questi i nomi dei quattro bresciani coinvolti e che andranno a processo: Ermanna Derelli (ex direttore sanitario), Arnalda Lanfranchi (direttore del laboratorio sulle cellule staminali), Fulvio Porta (direttore del reparto di oncoematologia pediatrica) e Carmen Terraroli (responsabile scientifica del comitato etico dell'ospedale).

Sono accusati di aver praticato infusioni di cellule staminali contrarie alle norme e potenzialmente pericolose per la salute dei pazienti. Archiviata intanto la posizione del quinto bresciano, il primaria di anestesia e rianimazione Gabriele Tomasoni.

Il metodo Stamina è un trattamento che si baserebbe sulla conversione di cellule staminali mesenchimali in neuroni, principalmente rivolto alle malattie neurodegenerative. Non c'è mai stata comunque una validazione scientifica che ne attesti l'efficacia terapeutica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Stamina, non è finita: alla sbarra quattro medici bresciani

BresciaToday è in caricamento