Cronaca Piazzale Spedali Civili

Spaccia eroina davanti all'ospedale, lo seguono e lo arrestano nel bar

Foto d'archivio

Venerdì pomeriggio, la Squadra Mobile di Brescia ha notato A.H., tunisino di 33 anni, salire a bordo di un’auto condotta da un italiano, per scendere dopo pochi metri. 

Visto l’insolito atteggiamento, gli agenti hanno proceduto a controllare l’italiano, trovato in possesso di 1,3 grammi di eroina (pagata 20 euro), mentre un altro equipaggio seguiva A.H. che entrava in un bar a Urago Mella. 

Il controllo all’interno del locale ha permesso di sequestrare un “sasso” di  3 grammi di eroina e 470 euro in contanti, che A.H. nascondeva tra la gamba e la sedia. Nel bar è stato fermato anche un altro avventore, un 29enne tunisino, che è stato trovato in possesso di un involucro con dentro altri 10 grammi della stessa droga. Entrambi i pusher sono stati arrestati con l'accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti.

Nella mattinata di sabato, nel corso del processo per Direttissima, il giudice ha disposto la convalida del fermo, applicando la misura del divieto di dimora nella provincia di Brescia.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccia eroina davanti all'ospedale, lo seguono e lo arrestano nel bar

BresciaToday è in caricamento