Brescia: uniti nella vita e nello spaccio, arrestati due coniugi

In manette una coppia di cittadini nigeriani, colti sul fatto dalla Polizia Locale di Brescia: in casa gli agenti hanno trovato circa mezzo chilo di marijuana. Nella loro abitazione anche un bimbo di nove mesi

Circa 500 grammi di marijuana. È quanto hanno rinvenuto gli agenti della Polizia Locale martedì 8 luglio in centro a Brescia durante le attività di controllo.

Un cittadino 30enne di origine nigeriana è stato fermato nei pressi di corso Mameli dagli agenti in borghese. Dalla perquisizione sono stati trovati 27 pacchetti di marijuana pronti per lo spaccio, una bilancina, tre telefoni cellulari e circa 350 euro in contanti.

Gli agenti hanno deciso quindi di controllare anche l’abitazione dell’uomo, in contrada delle Cossere, per verificare la presenza di altre sostanze. Entrando, la Polizia ha trovato la moglie, una trentenne di origine nigeriana.

Alla vista degli agenti la donna ha cercato di gettare nel wc la marijuana che la coppia teneva in casa, ma è stata tempestivamente fermata. In totale sono stati recuperati circa 500 grammi di marijuana. All’interno della casa c’era anche un bambino di nove mesi, figlio della coppia.

Entrambi i coniugi sono stati arrestati. L’uomo è stato portato nel carcere cittadino mentre la moglie è stata riaccompagnata a casa agli arresti domiciliari, in quanto madre di un bambino di età inferiore a un anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento