Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca Centro / Contrada del Carmine

Ospite di un cliente, lo costringe a spacciare: pusher 'colleziona' il sedicesimo arresto

Viveva in una casa popolare del Carmine

Non poteva più farsi vedere per le strade di Brescia - perché sottoposto alla misura del divieto di dimora nella nostra città, dopo l'ennesimo arresto per spaccio - così avrebbe costretto un suo 'cliente' a fare le consegne. Non gli è andata bene comunque: nel pomeriggio di giovedì è finito in manette per la sedicesima volta. Ma nei guai è finito anche l'uomo di 58 anni che lo ospitava in una casa popolare del Carmine: è stato denunciato a piede libero per detenzione ai fini di spaccio. 

Casa popolare trasformata in base dello spaccio

I due sono stati fermati giovedì sera dalla polizia locale mentre uscivano dalla casa Aler - data in concessione al 58enne - per una consegna. Da tempo erano nel mirino degli agenti. Il pusher - di nazionalità tunisina e irregolare in Italia -  pare avesse convinto il 58enne, che percepisce il reddito di cittadinanza, ad ospitarlo nel suo appartamento in cambio di qualche dose gratis e di un aiuto a pagare le spese. Ma non sarebbe andata proprio così: dopo qualche giorno di permanenza, avrebbe trasformato la casa popolare nella sua base operativa per gestire l'attività di spaccio e avrebbe costretto chi lo ospitava a consegnare le dosi per lui.

L'operazione della locale

Ma la coppia non è passata inosservata e sono bastate le poche uscite del pusher a far scattare l'operazione della polizia locale. Al termine di un'indagine lampo è scattato l'ennesimo arresto per detenzione ai fini di spaccio. Nei suoi confronti il giudice ha disposto ancora la misura del divieto di dimora in città.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospite di un cliente, lo costringe a spacciare: pusher 'colleziona' il sedicesimo arresto
BresciaToday è in caricamento