Troppo alcol, il figlio del giudice si sente male: locale chiuso e riaperto in 24 ore

Prima la chiusura, poi la riapertura (in 24 ore) dopo il ricorso al Tar: nuova disavventura per il Social Club di Via della Ziziola. All'interno del locale si sente male il figlio di un giudice della Corte d'Appello di Brescia

Certo che i minorenni possono entrare, previo controllo di carta d’identità, ma una volta dentro niente alcol: vengono “segnalati” con un bracciale di colore rosso. Il ragazzo avrebbe bevuto nonostante il bracciale, facendosi offrire qualche drink dai tavoli vicini.

Il ragazzo si è poi sentito male, è stato accompagnato fuori dal locale. Dove sono arrivati i genitori: mamma e papà che hanno subito avvisato i soccorsi. Non una mamma qualunque: la donna è giudice della Corte d’Appello del Tribunale di Brescia.

Poi è successo tutto in fretta: l’ambulanza, la segnalazione alle forze dell’ordine, la chiusura del locale, la riapertura con sanzione amministrativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento