Venerdì, 15 Ottobre 2021
Cronaca san polo

Presidio davanti alla prefettura: "Abbassare gli affitti per fermare gli sfratti"

E' stato fissato per venerdì mattina un presidio davanti alla prefettura di Brescia, in contemporanea con le altre città italiane, per cercare di portare l'attenzione sulla continua ed inarrestabile crescita del disagio abitativo

Le segreterie nazionali di Sunia, Sicet, Uniat e Unione inquilini, a fronte della continua ed inarrestabile crescita del disagio abitativo, che colpisce una sempre più larga fetta di popolazione in affitto, ritenendo inaccettabile la disattenzione del Governo e l’assenza di qualsiasi misura utile agli inquilini, promuovono una campagna di mobilitazione con lo slogan: “Abbassare gli affitti per fermare gli sfratti” che coinvolga tutto il Paese.

Il percorso di mobilitazione sarà suddiviso in due fasi. La prima, a livello territoriale, attraverso una iniziativa da svolgersi contemporaneamente in tutte le città, nella mattinata di venerdì 26 ottobre, con un presidio unitario davanti alle Prefetture (a Brescia dalle 9 alle 11) e un incontro con il rappresentante del Governo per illustrare la situazione abitativa locale e le richieste dei Sindacato.

La seconda fase della mobilitazione sarà a livello nazionale e si svolgerà nella mattinata di venerdì 16 novembre con un presidio davanti al Ministero delle Infrastrutture. Nel corso dello stesso le segreterie nazionali unitariamente chiederanno un incontro al Governo per sollecitare una risposta alla loro piattaforma.

Nella nostra città la situazione è particolarmente drammatica. Gli sfratti sono circa 500 l'anno e, nonostante ciò, la giunta Paroli continua a portare avanti il progetto della demolizione della torre del Tintoretto, incurante anche dello scandalo 'ndrangheta al Pirellone che richiederebbe almeno una pausa di riflessione.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presidio davanti alla prefettura: "Abbassare gli affitti per fermare gli sfratti"

BresciaToday è in caricamento