Cronaca Via Vittorio Alfieri

Carpenedolo: 1500 euro agli sfrattati per tornare in Marocco

Due famiglie a rischio sfratto, a Carpenedolo: il sindaco 'offre' 1500 euro ad una famiglia marocchina per convincerli a lasciare l'Italia, e a tornare in Marocco

La protesta antisfratto mercoledì a Carpenedolo

Due picchetti antisfratto a Carpenedolo, fin dalle prime ore del mattino di mercoledì. In azione gli attivisti del Comitato provinciale contro gli Sfratti e dell’associazione Diritti per Tutti, per difendere due famiglie a rischio sfratto, in Via Alfieri e in Via Verga. Rimasti senza lavoro, non pagavano l’affitto da mesi.

Proprio da Diritti per Tutti avevano annunciato “un confronto fallimentare con il nuovo sindaco, che ha avanzato proposte inaccettabili e offensive a due famiglie con quattro bambini”. Da qui la scelta del (doppio) picchetto, per riaprire la trattativa.

Nel caso della famiglia di Via Verga si è arrivati alla mediazione di un rinvio, fino alla fine del mese: prima di allora già previsto un tavolo di confronto in Prefettura, per valutare ogni eventuale soluzione.

Rinviato solo di pochi giorni invece lo sgombero di Via Alfieri: il 25 giugno prossimo il sindaco ha annunciato la disponibilità ad erogare 1500 euro (con 500 euro di contributi privati) per finanziare il rimpatrio della famiglia in Marocco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carpenedolo: 1500 euro agli sfrattati per tornare in Marocco

BresciaToday è in caricamento