rotate-mobile
Cronaca

Riprende un prete mentre si fa masturbare, poi il ricatto: nei guai 5 ragazzi

La vicenda è infinita in tribunale

Per l'accusa, nell'autunno del 2020 cinque ragazzi avrebbero estorto fino a 170mila euro a un parroco di Brescia, di circa 60 anni, ricattandolo con la celeberrima formula del revenge porn. Uno di loro, in particolare, avrebbe sedotto il parroco: con lui sarebbe arrivato quasi a consumare un rapporto sessuale, mentre il tutto veniva filmato dal giovane (all'epoca 22enne), che intanto gli toccava i genitali. Il video sarebbe poi stato utilizzato per farsi dare i soldi dal religioso, in cambio del silenzio.

I cinque ragazzi, tutti di origine rom, sono ora sotto processo, a seguito della denuncia del parroco e alle indagini della Locale, che hanno poi portato all'arresto di due giovani ricattatori.

In un'aula del Palazzo di Giustizia di Brescia, il pm Alessio Bernardi ha chiesto 8 anni di carcere per uno di loro, mentre, per gli altri tre, il rinvio a giudizio (ma sono tuttora latitanti). Si attende infine che il quinto guarisca dal coronavirus, affinché possa presentarsi in tribunale. Il denaro intanto è scomparso in Romania, mai restituito nonostante la Procura abbia fatto richiesta di rogatoria internazionale per cercare di recuperare il maltolto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riprende un prete mentre si fa masturbare, poi il ricatto: nei guai 5 ragazzi

BresciaToday è in caricamento