Cronaca

Scuola pubblica: dopo le proteste il Comune aumenta i fondi

Il Comune ha messo a bilancio nuovi fondi da destinare alla scuola pubblica cittadina. La scelta dopo le proteste dei giorni scorsi da parte di associazioni e cittadini per i numerosi tagli effettuati dalla giunta Paroli

Nei mesi scorsi sono stati effettuati numerosi incontri tra scuole, genitori e operatori scolastici, incentrati sulle problematiche del mondo scolastico bresciano con particolare riferimento alle ricadute sui servizi della difficile situazione economica nazionale e locale. Incontri che hanno fatto seguito di numerose proteste da parte di associazioni e cittadini contro alcuni importanti tagli compiuti dalla giunta Paroli.

In considerazione di quanto emerso in quelle assemble, l'Amministrazione comunale  ha programmato l'inserimento di nuove previsioni di spesa a favore dell'insegnamento pubblico cittadino.

Per il diritto allo studio sono stati stanziati 380.000 €, per l'assistenza scolastica agli alunni disabili (compresa l'assistenza durante i Cre), 650.000 €. Altri 120.000 €, invece, sono stati messi a bilancio per il mantenimento di una sezione in più presso la scuola dell'infanzia "Agosti".

Le pressioni esercitate dalla Amministrazione nei confronti dei competenti riferimenti ministeriali hanno inoltre permesso di ottenere lo sblocco di una prima tranche di finanziamenti arretrati, dovuti dal Ministero alle scuole bresciane, ma mai erogati. Si è trattato di un primo risultato, frutto anche delle iniziative dei parlamentari bresciani, destinato in prospettiva a ridurre considerevolmente il debito dello Stato, ammontante a un milione e mezzo di euro.

Una parte del mondo scolastico bresciano ha recentemente sollevato anche il problema relativo ai progetti di alfabetizzazione per gli alunni stranieri, ritenendoli di primaria importanza in una città come la nostra, caratterizzata da un alto numero di residenti extracomunitari. La giunta Paroli sembra aver recepito il messaggio, orientandosi verso l’inserimento di tale voce nelle nuove attività finanziate, scorporandola dai contributi per il diritto allo studio, e stanziando per quei progetti un totale di 80.000 €.


"Auspichiamo - scrive il Comune in un comunicato - che tutti i bresciani  possano apprezzare lo sforzo dell'Amministrazione a favore delle scuole cittadine, pur in un momento di gravissima difficoltà per i bilanci pubblici nazionali e locali".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola pubblica: dopo le proteste il Comune aumenta i fondi

BresciaToday è in caricamento