menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Uccise la figlia disabile a bastonate: per il pm può tornare a casa

Il 29 dicembre dello scorso anno Concetta Cottone uccise a bastonate la figlia disabile di 49 anni. Per il pm Claudio Pinto non ci fu premeditazione, ma fu la tragica conseguenza di un raptus di follia. La donna attenderà a casa l'inizio dl processo

Concetta Cottone, la madre che uccise la figlia disabile lo scorso 29 dicembre in via Raffaello a San Polo, può tornare a casa. Secondo il pm Claudio Pinto, non c’è stata premeditazione: l’uccisione a bastonate della figlia Assunta Arceri fu il frutto di un raptus di follia dovuto a un’esasperante situazione familiare protrattasi nel tempo.


La vita della Cottone, infatti, è stata segnata da una difficile, se non tragica, storia familiare. Vedova e mamma di tre figlie, una morì suicida 32 anni fa, le altra due – gemelle – nate afflitte da malattie psichiche, sono state accudite in casa fino all’età della tragedia, 49 anni dopo la loro nascita. La donna sarà processata  il prossimo 17 settembre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento