Cronaca San Polo

Bambini di San Polo: 30% di malattie respiratorie in più rispetto alla media

I dati dell'ASL bresciana raccolti tramite 6000 questionari distribuiti nelle scuole cittadine dimostrano come nei bambini tra i 6 ed i 14 anni del quartiere le malattie respiratorie sono molto più diffuse che nel resto di Brescia

Un eccesso del 20-30% di disturbi e malattie respiratorie nei bambini tra i 6 ed i 14 anni residenti a San Polo, un quartiere della periferia sud, rispetto ai coetanei che vivono in altre zone di Brescia. Lo dicono i dati dell'ASL bresciana raccolti tramite 6000 questionari distribuiti nelle scuole cittadine.

Nei bambini residenti a San Polo, quartiere a sud di Brescia, l'Asl ha riscontrato una proporzione maggiore di tosse secca di notte negli ultimi 12 mesi al di fuori dei comuni raffreddori, difficoltà di respiro con fischi e sibili almeno una volta nella vita, disturbi nasali, tosse o catarro nella maggior parte dei giorni, muco nasale con naso chiuso e tosse.


"I risultati di questa analisi - si legge nell'indagine dell'ASL - suggeriscono una possibile associazione tra residenza nel territorio di San Polo e alcuni disturbi e malattie respiratorie nei bambini". Sul piede di guerra le associazioni ambientaliste, che puntano il dito contro gli impianti industriali e le discariche del quartiere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambini di San Polo: 30% di malattie respiratorie in più rispetto alla media

BresciaToday è in caricamento